Il prezzo della verità

Costa carissimo al Bundespresident l’aver affermato, durante una sua visita a Kabul, che la Germania è impegnata militarmente in Afghanistan per difendere “anche” gli interessi economici tedeschi. Nella Costituzione tedesca il rifiuto della guerra è totale (ad esempio si legga l’art. 1 Grund Gesetz) e l’eredità della II Guerra Mondiale è ancora molto sentita. Tuttavia è sufficiente dire apertamente quello che tutti pensano, ovvero che la guerra (perchè quella in Afghanistan è una guerra) viene fatta per difendere interessi, anche economici perché scoppi lo scandalo.  Koehler ha motivato la sua decisione di dimettersi con effetto immediato affermando che le forti critiche cui era stato sottoposto rappresentano una mancanza di rispetto per il suo ruolo.

Sempre sul tema “guerra in Afghanistan” mi vengono in mente le ricorrenti e feroci polemiche relative alla presenza del nostro esercito in Afghanistan e al testo dell’art. 11 della nostra Costituzione e a questo proposito mi chiedo perchè nascondersi dietro alle parole?

FAZ ZEIT SUEDDEUTSCHEZEITUNG, QUI il testo del discorso, in italiano CORRIERE, ALTRE NOTIZIE

Un saluto cordinale

Ogni tanto il filtro antispam fa cilecca e arrivano messaggi di dubbia natura. Tipo questo:

Gentile BANCA POPOLARE DI BARI cliente,

Per la vostra sicurezza e per il tanto numero di accedere al vostro conto online abbiamo preso come misura precauzionale di blocare momentaniamente il vostro conto.

Per confermare tutte queste clicca qui

Grazie per la collaborazione.

Un saluto cordinale
(…)

Convivenza more uxorio e procreazione assistita

Il contributo proposto (pubblicato su Famiglia e Diritto, n. 4/2010)  riguarda il bilanciamento tra la libertà di autodeterminazione di una parte, quella della aspirante madre, e dovere di lealtà dall’altra parte, quella dell’aspirante padre, conviventi non coniugati, entrambi coinvolti in un progetto famigliare da realizzarsi con la procreazione assistita. Durante le terapie la donna scopre che il partner l’ha tradita e per questo interrompe la convivenza e chiede il risarcimento del danno perchè il convivente non è stato leale con lei. Tuttavia la violazione di questo dovere è solo morale e non giuridica, quindi non è fondata la domanda di risarcimento del danno a favore della presunta parte danneggiata.

falletti_more uxorio_procreazione assistita