L’ombra lunghissima di Evita

Alla fine è successo: l’Argentina ha espropriato alla società petrolifera spagnola Repsol le sue quote della compagnia YPF: di seguito la notizia da El Pais, dal Clarin e, in italiano, su Linkiesta.

Difficilmente Rajoy potrà mandare la marina militare a riprendersi ciò che considera suo come fece Maggie Thatcher dopo l’invasione argentina del 2 aprile 1982 per la conquista Falklands/Malvinas (questione ancora non del tutto chiusa, specie per l’orgoglio nazionale argentino): qui, però la questione è interessante sotto almeno due motivi: da un lato i rapporti tra i Paesi ex emergenti e le potenze europee, un po’ appannate e in affanno; dall’altro osservare lo sviluppo argentino a poco più di dieci anni dalla bancarotta.