Rassegna di giurisprudenza internazionale del mese di gennaio 2013

Pubblicata sul Quotidiano Giuridico dell’8 gennaio 2013

 

 

Regno Unito di Gran Bretagna
La vendita di biglietti per la partita di rugby e la protezione della privacy
Supreme Court of United Kingdom, [2012] UKSC 55, 21.11.12
La vicenda sorge da un ordine giudiziario rivolto ad un sito web di indicare i nominativi di coloro che acquistarono i biglietti per una partita di rugby online, affinchè a seguito di una violazione contrattuale ottenessero il dovuto risarcimento. La questione risolta dalla Corte Suprema inglese concerne se la concessione del provvedimento abbia comportato una violazione dell’art. 8 CEDU. La Corte Suprema britannica ha affermato che il test di proporzionalità relativo all’art. 8 CEDU deve riguardare il bilancio tra il beneficio che gli interessati otterrebbero dalla divulgazione delle informazioni (in questo caso accedere al risarcimento) contro l’impatto negativo provocato dalla divulgazione medesima, pertanto la Corte ha rigettato il ricorso.

Stati Uniti
La legge che proibisce trattamenti di cura dell’orientamento sessuale parzialmente sospesa per violazione del Primo Emendamento
US District Court for the Eastern District of California, Welch v. Brown, 12.3.12
Una Corte distrettuale della California ha sospeso nei confronti dei tre sanitari attori l’efficacia della legge della California che vieta ai prestatori di servizi di salute mentale di curare disfuzioni di genere e di orientamento sessuale. I giudici ritengono che la denuncia sia apparentemente fondata nel merito relativamente alla violazione della libertà di espressione garantita dal Primo Emendamento.

Germania
Risarcito il candidato discriminato per motivi religiosi
Arbeitsgericht Aachen, 2 Ca 4226/11, 14.12.12
Un ospedale, anche se gestito da una comunità religiosa cattolica, non può rifiutare l’assunzione di un sanitario per il solo motivo che questi non è appartenente alla medesima confessione religiosa. Il giudice del lavoro di Aquisgrana ha infatti stabilito che la comunità religiosa può invocare il suo status costituzionale speciale solo nel caso di assunzione di soggetti preposti a servizi pastorali, catechesi, didattica ovvero dirigenza, ma non negli altri ruoli lavorativi.

Sudafrica
Tubercolosi e prova del nesso di causalità del contagio in carcere
Lee v Minister of Correctional Services (CCT 20/12) [2012] ZACC 30, 11.12.12
Il ricorrente ha trascorso cinque anni di detenzione in un carcere di massima sicurezza. Durante la reclusione ha affermato di aver contratto la tubercolosi, pertanto ha citato in giudizio il Ministero della Giustizia per il risarcimento dell’eventuale danno alla sua salute asserendo che esso è stato provocato dalla cattiva gestione degli ambienti penitenziari. Dopo l’esperimento dei due gradi di merito dai risultati contradditori le parti si sono rivolte alla Corte costituzionale del Sudafrica, la quale ha ritenuto che l’attore non abbia ottemperato alla prova del nesso di causalità tra la sua malattia e la detenzione, pertanto la domanda va rigettata. L’opinione di maggioranza della Corte statuisce che nonostante il ricorrente non sia riuscito a provare l’effettività del contagio in carcere, vi è un obbligo legale per le autorità competenti di fornire adeguati servizi di assistenza sanitaria come parte del diritto costituzionale di tutti i prigionieri a condizioni di detenzione che siano coerenti con la dignità umana.

Portogallo
Obbligazione di mezzi, chirurgia estetica e medical malpractice
Supremo Tribunal de Justiça, 117/2000.L1.S1, 15.11.12
Nella valutazione della responsabilità del sanitario che abbia effettuato un intervento di chirurgia estetica relativo all’inserimento di protesi mammarie, i supremi giudici portoghesi hanno affermato che tale fattispecie concerne un contratto di prestazione di servizi medici e pertanto in capo al chirurgo pende un obbligo di mezzi. Nel caso concreto la rottura della protesi mammaria dopo due anni dalla sua collocazione non dimostra in re ipsa la difettosa esecuzione del contratto, visto che il chirurgo e la sua équipe hanno effettuato l’operazione con la necessaria diligenza.

Stati Uniti
Le esigenze finanziarie consentono il trasferimento dei fondi destinati al risarcimento degli infortunati sul lavoro ad altri capitoli di bilancio
Arizona Court of Appeals, Industrial Commission of Arizona v. Arizona State Compensation Fund, 23.11.12
I giudici d’appello dello Stato dell’Arizona hanno affermato che il trasferimento dei fondi destinati all’assistenza dei lavoratori infortunati ad altri capitoli del bilancio statale non è contrario alla Costituzione dell’Arizona in quanto si tratta di fondi pubblici sottoposti al controllo del potere legislativo. Inoltre, i suddetti giudici oservano che, sebbene ai lavoratori infortunati vengano detratte risorse, il Fondo Speciale loro dedicato è in grado di affrontare le obbligazioni dell’anno fiscale.

Sud Corea
La qualificazione degli atti di contraffazione
Supreme Court of South Korea, 2010Do14789, 28.6.12
I giudici supremi coreani hanno stabilito che la contraffazione consiste nella fabbricazione dei prodotti con un marchio confondibile con un segno distintivo noto che induca il pubblico a fraintendere la loro qualità, il contenuto, il processo di fabbricazione ovvero l’uso o la vendita di tali prodotti. Altresì ai sensi dell’art. 2, par. 1 della legge che disciplina la concorrenza sleale e protegge il segreto industriale la vendita di merce contraffatta costuisce reato.

Stati Uniti
In attesa della Corte Suprema i giudici federali del Nevada negano alle coppie dello stesso sesso di sposarsi
US District Court for the District of Nevada, Sevcik v. Sandoval, 26.11.12
Una causa intentata da otto coppie formate da persone dello stesso sesso che richiedevano l’accesso al matrimonio è stata dichiarata improcedibile. Secondo i giudici federali la legge dello Stato del Nevada interdittiva del same sex marriage non è anticostituzionale in quanto siffatto diverso trattamento non si fonda su un intento discriminatorio. Come è noto la questione relativa alla esplicita previsione del DOMA (Defense of Marriage Act) la quale stabilisce che matrimonio sia accessibile alla sola coppia formata da uomo e donna verrà discussa davanti alla Corte Suprema degli Stati Uniti nella primavera del 2013.

Brasile
Responsabilità oggettiva per incendio, titolarità effettiva dei beni mobili distrutti e risarcimento danni
Nona Câmara Cível do Tribunal de Justiça do Estado, Nº 70051252708, 12.12.12
Al fine di ottenere il risarcimento del danno relativo alla perdita dei beni mobili distrutti in un incendio è necessario documentare in giudizio la titolarità del diritto di proprietà sui medesimi. La peculiarità nel giudizio in questione risiedeva nel fatto che il coniuge divorziato non aveva mai effettuato il cambio dell’intestazione della titolarità del contratto di fornitura a proprio favore. Per quanto concerne la responsabilità del rivenditore di energia, i giudici brasiliani affermano che ai sensi delle disposizioni del codice dei consumatori essa sussiste a titolo di responsabilità oggettiva.

Advertisements