Partecipazione pubblica e riforme costituzionali

Mi è arrivata questa email dalla “Presidenza del Consiglio – Palazzo Chigi” perchè tempo fa avevo speso del tempo a partecipare alla “Consultazione pubblica sulle Riforme Costituzionali”. Ne rimasi alquanto perplessa, se non scandalizzata, per la superficialità e la vaghezza delle domande, per il poco approfondimento delle tematiche, per la scarsa diffusione dell’iniziativa. Mentre la “Commissione dei saggi” si ritira in un “resort” fuori Roma a discutere e a scrivere il testo di dette future riforme costituzionali (del resto la legge elettorale nota come “Porcellum” venne redatta in una baita di montagna, dice la leggenda), manca il coinvolgimento dell’opinione pubblica nel suo complesso, tanto quella specializzata quanto quella composta dai cittadini elettori. E’ come se, consentendoci di guardare le cose da una sorta di buco della serratura, ci facessero fare del voyeurismo istituzionale, per poi dirci, in futuro, che essendo stati coinvolti, abbiamo già esaurito la nostra possibilità partecipativa, anche se espletata da pochissimi cittadini (130.000 questionari! inutile ricordare quanti sono i cittadini aventi diritto di voto), peraltro scarsamente informati.

Ma a quanto pare, conta di più una certa visione di forma piuttosto che la sostanza, come dimostrato dalla email inviatami, della quale riporto integralmente il testo. Ciascuno tragga le proprie conclusioni.

Grazie per aver iniziato a partecipare alla Consultazione Pubblica sulle Riforme Costituzionali che si chiuderà l’8 Ottobre 2013.

Il tuo contributo, insieme agli oltre 130.000 questionari completati, rappresenta una preziosa indicazione alle istituzioni e farà parte del rapporto finale sulla consultazione che sarà pubblicato nei giorni successivi all’8 Ottobre.

Ringraziandoti per la tua partecipazione ti ricordiamo che, in collaborazione con Fondazione Ahref, è attiva dal 26 Settembre la terza fase della consultazione, una Discussione Pubblica, per approfondire i temi trattati nei questionari e partecipare ai dibattiti. E’ possibile, ad esempio, utilizzare lo strumento CIVICI per discutere le proposte della Relazione Finale della Commissione Riforme Costituzionali o proporre alternative all’interno di 9 Temi.

Se conosci qualcuno che credi possa essere interessato, ricordargli che ha ancora pochi giorni per partecipare ai due questionari suwww.partecipa.gov.it

Grazie per il tuo tempo e la tua partecipazione!

Hai ricevuto questo messaggio perchè hai partecipato alla Consultazione Pubblica sulle Riforme Costituzionali se non vuoi ricevere ulteriori comunicazioni clicca su questo link