Costituzionale, incostituzionale e “in uno stato di incostituzionalità”

il diritto c'è, ma non si vede

Il controllo di costituzionalità delle leggi è una delle conquiste del costituzionalismo moderno. Il suo obiettivo è garantire che lo Stato eserciti i suoi poteri in conformità alla Costituzione, e assicurare così il rispetto dei diritti fondamentali dei cittadini da essa sanciti.

Le leggi possono essere conformi alla costituzione o non conformi. Questa è logica, ed è quanto lo studente del primo anno di giurisprudenza impara nelle prime lezioni.
Qualche lezione dopo lo studente italiano incontra alcuni stratagemmi della Corte Costituzionale italiana: non contenta della scelta, a volte drastica, posta dal semplice rigetto o accoglimento della domanda, la Corte ha ideato tecniche che permettono di calibrare meglio gli effetti delle proprie pronunce. Abbiamo così sentenze di accoglimento parziale, interpretative, additive. Qui uno schema sintetico. Si tratta di un’evoluzione che aggiunge sfumature alle pronunce della Suprema Corte, ma che non mette in discussione l’approccio binario: la legge, o parti di essa…

View original post 1,003 more words